Trattamento delle infezioni da elminti

Le infestazioni parassitarie sono un problema grave, il cui trattamento può richiedere alcuni mesi.

Perché i vermi non vengono espulsi dal corpo? A causa dell’anatomia dei vermi parassitari, i quali si attaccano agli organi interni con delle ventose relativamente potenti. Altri tipi di vermi, invece, sono dotati di denti in grado letteralmente di scavare all’interno delle mucose dei tessuti. Così i parassiti vivono nel corpo umano per anni e decenni, deteriorandolo e avvelenandolo lentamente con gli scarti che producono.

Sintomi delle malattie parassitarie

Le infezioni elmintiche sono un problema piuttosto difficile da trattare. Non tutti i pazienti sono disposti a farsi esaminare all’interno e all’esterno per identificare il tipo di parassiti che vive nel corpo, ma alcuni sintomi indicano con sicurezza la presenza di vermi.

  1. Perdita di peso improvvisa senza ragioni apparenti o, al contrario, un rapido aumento di peso anche con un’alimentazione povera;
  2. Aumento dell’appetito, sensazione di fame costante;
  3. Debolezza costante;
  4. Anemia;
  5. Comparsa improvvisa di allergie negli adulti;
  6. Mal di testa forte, emicrania;
  7. Sensazione di pesantezza sul lato destro del corpo, sotto le costole;
  8. Indigestione;
  9. Stitichezza frequente o diarrea;
  10. Cattivo stato di capelli e unghie;
  11. Dolore muscolare e articolare;
  12. Herpes labiali frequenti;
  13. Disordini del sonno;
  14. Scarse prestazioni complessive, tendenza all’affaticamento.

Come diagnosticare la presenza di parassiti nel corpo?

Se soffrite di almeno la metà di questi sintomi, dovreste consultare immediatamente un medico. Una persona affetta da un’infezione parassitaria è pericolosa non solo per sé ma anche per gli altri, in quanto può essere trasmessa durante i contatti quotidiani (stringendo le mani, baciando, toccando, ecc.).

La coprocoltura, che è il metodo più comune per la diagnosi dei parassiti, non è efficace come sembra. La sua affidabilità è solo del 15-17%.

Ad oggi, la presenza di parassiti nel corpo può essere diagnosticata con i seguenti metodi:

  1. Esami sierologici. Una tecnica immunologica che rileva la presenza di anticorpi prodotti in risposta agli scarti rilasciati dagli elminti. Possono essere effettuati in tutte le fasi dell’infezione e hanno un’affidabilità del 60%.
  2. Analisi parassitologiche delle feci. Si effettuano utilizzando potenti microscopi e sono più efficaci delle analisi convenzionali. Determinano quali tipi di vermi vivono nell’intestino.
  3. Hemoscan. Analisi ematiche che ingrandiscono una goccia di sangue di 2 mila volte. Questo tipo di analisi consente di individuare la presenza di microflora estranea.
Trattamento delle infezioni da elminti

Come curare le infezioni da elminti?

La maggior parte dei rimedi antiparassitari ha un impatto negativo sul fegato. Per distruggere i vermi ed eliminarli dal corpo, siamo costretti ad usare sostanze tossiche che sono dannose non solo per i parassiti, ma anche all’organismo ospitante. A tale pratica segue un lungo periodo di recupero.

Esistono anche dei medicinali che non uccidono subito i parassiti, ma creano un ambiente inospitale nel corpo. Tuttavia, questo procedimento richiede 1-2 mesi.

I rimedi vermifughi sono divisi in 3 gruppi:

  • sintetici
  • a base di erbe
  • omeopatici

I farmaci a base di erbe sono i più efficaci e i più sicuri. Un esempio classico sono le capsule Detoxic, composte da una miscela vegetale che crea nel corpo un ambiente pericoloso per i vermi senza danneggiare l’organismo. Inoltre, distruggono non solo le specie adulte, ma anche le larve deposte. Il trattamento dura un mese.

Rimedi della medicina popolare

Oltre ad ulteriori medicinali, si raccomandano alcuni rimedi erboristici tradizionali. Consultare il proprio medico prima di iniziare un trattamento. Certi prodotti non solo espellono i vermi dal corpo, ma depurano anche il fegato ed eliminano le conseguenze dell’infestazione.

Quali piante aiutano a sbarazzarsi dei vermi?

  1. Aglio.
  2. Assenzio maggiore (fare attenzione, si tratta di una pianta tossica che può essere pericolosa per i bambini).
  3. Miscela di tanaceto e assenzio maggiore (sconsigliata per i bambini).
  4. Radice di enula campana. È efficace non solo contro i parassiti che vivono nell’intestino, ma anche per distruggere i vermi che vivono nei polmoni, nel sangue, nel fegato e nei tessuti del sistema nervoso.
  5. Celidonia. Uccide i parassiti e ripara i tessuti epatici.

Leave A Reply

Your email address will not be published.