Come si possono sbiancare i denti senza andare al dentista?

È possibile avere un sorriso da star di Hollywood senza spendere cifre esorbitanti dal dentista? Ebbene sì. Esistono molti metodi efficaci per sbiancare i denti senza uscire di casa.

La maggior parte degli inglesi ogni anno va dal dentista per lo sbiancamento dei denti, e anche in Italia questa procedura sta diventando sempre più popolare.

Ma per avere bei denti bianchi, non bisogna andare dal dentista. Anche i medici stranieri dicono che il bianco naturale dei denti (simile al bianco dell’occhio) si può ottenere con dei rimedi domestici collaudati.

Metodo numero 1. Bicarbonato di sodio

Il bicarbonato è un candeggiante naturale. Viene utilizzato per pulire non solo i piatti sporchi, ma anche i denti. Figura come ingrediente in alcuni dentifrici sbiancanti e non contiene agenti aggressivi che intaccano lo smalto dei denti.

Aggiungere ¼ di cucchiaino di bicarbonato di sodio a dell’acqua, immergere lo spazzolino nel composto e spazzolare normalmente i denti. Ripetere la procedura 2 volte al giorno, al mattino e prima di andare a dormire, fino a quando non si ottiene un effetto visibile. Potete anche mescolare il bicarbonato con il dentifricio.

Metodo numero 2. Mele e fragole

Le mele e le fragole sono fonti naturali di acidi che sbiancano lo smalto dei denti. Più se ne mangiano, più bianchi diventeranno i denti. Ma non lasciate le fragole sui denti troppo a lungo o rischiate di danneggiare lo smalto.

Numero del metodo 3. Acqua salata

Il sale disinfetta la bocca, rinforza le gengive, pulisce lo smalto e sbianca i denti di 0,5-1 tonalità. Sciogliere un cucchiaino di sale marino in un bicchiere di acqua bollita. Risciacquare delicatamente la bocca con questa soluzione due volte al giorno.

Metodo numero 4. Prodotti “bianchi”

I prodotti scuri, come la barbabietola, il ribes, i mirtilli, il vino rosso e il caffè, possono scurire lo smalto dei denti. I prodotti di colore bianco, invece, sbiancano i denti. Pertanto, mangiate più spesso riso, pollo, uova e pesce.

Prodotti “bianchi”

Metodo numero 5. Spazzolino elettrico

La pubblicità non mente. Gli spazzolini elettrici eliminano la placca dallo smalto il 70% più efficacemente. Più spesso lo si utilizza, più perfetto sarà il tuo sorriso.

Metodo numero 6. Formaggio a pasta dura

Questo prodotto quotidiano pulisce efficacemente la placca. Inoltre, il formaggio a pasta dura contiene molto calcio, che rinforza lo smalto dei denti. Per fare in modo che i denti siano sani e bianchi, i dentisti consigliano di mangiare formaggio a pasta dura e bere latte più spesso.

Metodo numero 7. Olio di cocco

Usare l’olio di cocco per sciacquare la bocca dopo aver spazzolato i denti. Un cucchiaio d’olio è sufficiente. Oltre ad un effetto sbiancante, l’olio di cocco ha un potente effetto antibatterico.

Metodo numero 8. Cibi grezzi

Il cibo dai bordi duri e grezzi pulisce i denti. Un esempio classico sono i popcorn. A condizione che non siano dolci e che dopo vi risciacquiate la bocca.

Metodo numero 9. Gomme da masticare

Le gomme da masticare dopo aver mangiato puliscono la bocca dai residui alimentari, aumentano la salivazione e neutralizzano l’acido. La cosa più importante è che le gomme da masticare siano senza zucchero. Non masticarle per più di 15 minuti. Per pulire gli spazi tra i denti, utilizzare del filo interdentale.

Gomme da masticare

Metodo numero 10. Il dispositivo sbiancante a LED Ionic White

Si tratta di un sistema per lo sbiancamento dei denti professionale da usare a casa, che sfrutta la potenza delle onde di luce elettromagnetiche. È molto facile da usare. Si applica il gel di attivazione sui denti, che quando è esposto alla luce separa i pigmenti scuri e dona al sorriso una naturale bianchezza.

Attualmente, il sistema Ionic White è il metodo più economico di sbiancamento dei denti a lungo termine. L’effetto di un solo ciclo di trattamento dura fino a un anno. A differenza dello sbiancamento dei denti, questo sistema non riduce lo smalto dei denti, non aumenta la sensibilità dei denti e può essere utilizzato sia per i denti naturali che per gli impianti.

Leave A Reply

Your email address will not be published.